Pagine

venerdì 2 maggio 2014

Neon Genesis Evangelion.

            Sigla di apertura: Yoko Takahashi - Zankoku na tenshi no These 


Neon Genesis Evangelion, anime del 1995 creato dallo Studio Gainax, sceneggiato e diretto da Hideaki Anno. Autori di Le situazioni di Lui & Lei e Nadia - Il mistero della pietra azzurra




TRAMA


13 settembre 2000: una meteorite colpisce la calotta polare antartica causando il discioglimento dei ghiacciai. L'avvenimento viene denominato Second Impact. In realtà tale avvenimento è causato da un esperimento fallito da un gruppo di scienziati su di un essere umanoide chiamato Adam, primo di una serie di nemici denominati Angeli. L'esperimento viene condotto dal dottor Katsuragi dietro a cui si cela l'organizzazione Seele e il suo "Progetto per il perfezionamento dell'uomo". Per realizzare il piano, viene istituita l'organizzazione Gehirn con lo scopo di utilizzare delle contromisure in vista di possibili futuri attacchi da parte degli Angeli, costruendo giganteschi umanoidi artificiali chiamati Evangelion, tre supercomputer Magi e la città-fortezza di Neo Tokio-3. Al termine di tale compito l'organizzazione cambia il nome in Nerv  sotto la guida di Gendo Ikari

2015: il clima sulla Terra dopo il Second Impact si sono stabilizzati e l'umanità si adatta al nuovo corso. La Nerv durante i 15 anni ha fatto studi avanzati creando tre nuove unità Evangelion.
Da questo punto facciamo conoscenza a Shinji Ikari, un ragazzo di quattordici anni, scelto per pilotare l'Eva 01 denominato third children e in questa occasione rivede suo papà dopo dieci anni. Improvvisamente la vita di Shinji comincia a prendere un'altra piega: va a vivere con la sua nuova tutrice Misato Katsuragi, Direttore Operativo della Nerv con il compito di dirigere gli Eva nelle battaglie contro gli Angeli, salvata da suo padre scienziato (il dottor Katsuragi, appunto) e unica superstite del Second Impact
Shinji conosce i suo colleghi: la  first children Rei Ayanami, pilota del prototipo Eva 00 dal carattere freddo e distaccato con un passato misterioso ma con un forte legame con Gendo, e la second children Asuka Soryu Langley, pilota dell'Eva 02 cresciuta in Germania dal padre e dalla matrigna con il quale si sente a disagio. La sua vera madre impazzì a causa di un contatto con l'Eva 02, su di sé portava una bambola scambiandola per sua figlia. Quando Asuka seppe che era stata scelta per pilotare l'Eva 02, corse a dirlo alla madre ma fu troppo tardi: la trovò impiccata. 
A scuola, Shinji fa conoscenza con i suoi compagni di scuola: Toshi Suzuhara, un ragazzo "ribelle" che all'inizio prende a pugni Shinji dopo aver scoperto che è il pilota dell'Eva 01 e al primo scontro con un Angelo (precisamente il terzo Angelo) la sorellina di Toshi venne ferita, e Kensuke Aida, un ragazzo orfano di madre, affascinato dalle armi e di tutto ciò che è di militare (chiedendo continuamente a Shinji e Misato di poter pilotare un'Eva).

Nel susseguirsi degli eventi, la vera natura dei nemici e degli Evangelion viene messa in dubbio.
I rapporti con Seele e la Nerv cominciano ad deteriorarsi scoprendo le loro opposti/reali intenzioni con il collegamento al "Progetto per il perfezionamento dell'uomo". Nel frattempo i children combattono senza sosta gli Angeli, mettendo spesso in difficoltà le loro capacità fisiche e psicologiche affrontando le loro ansie e le loro paure. Dopo aver perso una battaglia contro il 15° Angelo, Asuka cade in depressione chiudendosi in sé stessa. La Seele decide di sostituirla con il fifth children Kaworu Nagisa  che, oltre a guidare l'Eva 02, stringe una forte amicizia con Shinji. Ma presto si scoprirà che Kaworu è l'ultimo Angelo di Tabris, intenzionato a ricongiungere con Adam per avviare il "Progetto per il perfezionamento dell'uomo". Alla scoperta che l'Angelo rinchiuso nel Terminal Dogma (che si trova sotto alla base della Nerv) è in realtà Lilth (cioè il secondo Angelo a cui si scoprirà che è essa che da vita agli essere umani), chiede a Shinji di ucciderlo. Shinji dopo un momento di esitazione, lo uccide. In seguito, Shinji, dopo vari limbi mentali, comincia ad accettarsi per quello che è, affrontando la vita e il suo prossimo, senza scappare dalle difficoltà. (Spero di aver riassunto i due finali, sia della serie Tv che del film End of Evangelion)



PARERE PERSONALE


Premessa: dai miei primissimi anni d'età guardavo qualsiasi cartone con protagonisti i robot. Non me ne fregava di come si chiamavano, anche perché non me li ricordo, li guardavo e basta (uno sì me lo ricordo... il Rotowash!). Questa "mania" per i robot mi ha portato a guardare su (buon vecchia e cara) MTV Neon Genesis Evangelion e mi piacque da subito. Ma rimasi delusissimo dagli episodi finali (per precisione gli episodi n° 25-26): quel continuo monologo con immagini senza senso mi annoiavano a morte. D'altronde, venivo dall'altrettanto ultimo episodio/delusione di Excel Saga (su MTV era finito al numero 26, ma in realtà l'anime finisce al numero 27 che, per motivi di "esagerazione di ogni tipo", non fu mai trasmesso in TV. L'ho visto qualche mese fa su YouTube), quindi ci ero abituato, pensando che MTV trasmettesse davvero cartoni strani. 
Il problema è che ai quei tempi avevo 10/12 anni (era intorno al 2000 e il 2002), e Evangelion l'ho preso male da subito, pensando che sia un altro anime basato sui robot e mostri. Cosa me ne fregava delle emozioni psicologiche di Shinji, di Asuka e di Rei? A me interessavano solo i robot. Cosa me ne fregava della Nerv e i suoi misteri? A me interessavano solo i robot.

Passano un po' di anni e grazie a Internet (sempre sia lodata) è molto facile recuperare i tempi passati, e tra mille video che scorrazzano nel web, ritrovo Evangelion, pensando: «Ma quanto era bello quell'anime? Peccato per il finale...». Leggendo poi recensioni vari sull'anime ho pensato che forse sarebbe stato giusto rivederlo, perché un conto è vederlo a 12 anni e un altro è vederlo a 24 anni.
Togliendo dalla mente il fattore "Robot vs. Mostri", riguardo le puntate in streaming (purtroppo su Popcorn.Tv l'hanno tolto e ho dovuto cercare le puntate con Google...) e posso dirlo senza essere forzatamente banale: È UN CAPOLAVORO!!!

Già dalla prima puntata ti inchioda alla sedia, una volta entrato nella trama non riesci ad uscirne finché non arrivano le ultime due puntate, che servono a Shinji (protagonista assoluto dell'intero anime) di fare un resoconto della sua vita e curarsi dal suo stato "sofferente e associale", accettando sé stesso e la vita cercando di affrontarla senza dover scappare dalle difficoltà (so che mi sto ripetendo... Ma non ho alternative!).

Con questa mia "rivalutazione" del finale, ho deciso di vedermi il "finale alternativo", un finale che Anno insieme allo Studio Gainax hanno "forzatamente" prodotto, perché i fan della serie erano abbastanza insoddisfatti (il finale della serie fu realizzato "low budget" perché i soldi erano finiti a causa della serie abbastanza costosa!!!!) con tanto di lettere e minacce.
Il "finale alternativo" non è altro che i due film Death & Rebirth The End Of Evangelion  del 1997.
Il primo film è composto in due parti: Death è un riassunto delle puntate dal 1° al 24° e Rebirth è la prima mezz'ora del film successivo End Of Evangelion.
Il secondo film è composto da due episodi: Air - Love Is Destructive (Episodio 25) che comprende la mezz'ora di Rebirth con 15 minuti di scene inedite, e Per te, tutto il mio essere / ONE MORE FINAL: I need you (Episodio 26) comprende il resto.

Allora sia chiaro una volta per tutte: non esiste il VERO finale, perché nonostante le apparenti differenze tra la serie TV e il film, il significato non cambia!!!
Sia nella versione TV che nel film, Shinji decide di non scappare e di accettare la sua vita anche se non sarà facile, cercando di rapportarsi con le persone, anche se esse possono provocare dolore.
Poi si può preferire quale finale meglio ci si riconosce, ma la sostanza non cambia!
Ad esempio io preferisco End Of Evangelion perché lo ritengo un finale più completo.
Per ora, visto che dal 2007 è cominciata una serie cinematografica formata in 4 film (attualmente è ferma al terzo e presto dovrebbe uscire il quarto) dell'anime chiamato Rebuild Of Evangelion che non ho ancora visto e voglio vederlo fino al 4° film. In poche parole è una sorta di remake dell'anime con la stessa trama ma in chiave diversa... (a quanto ho capito).

Parlare di Evangelion è come parlare di un quadro: può trovare mille argomentazioni e mille punti di vista al riguardo.
Vorrei parlare delle mie sensazioni e di cosa ho percepito in Evangelion tralasciando l'aspetto religioso e teorico dell'anime, anche perché alcune cose sinceramente non le ho capite e preferisco non parlarne.
Voglio soffermami sull'umanità e delle sue emozioni:
Shinji quando sale sull'Eva è abbastanza preoccupato perché si sente sfruttato dal padre, ma al tempo stesso si sente soddisfatto dagli apprezzamenti che li fanno, in poche parole lui sente che il suo senso della vita è pilotare l'Eva e per questo, secondo lui, è l'unico motivo valido per essere apprezzato.
Ma non si rende conto che i suoi amici lo apprezzano per quello che è e non per quello che fa. Apprezzano Shinji, non l'Eva 01!
Ma questa cosa non riesce a vederla, perché non si è accettato lui, e l'unica soluzione per farsi voler bene agli altri è accettarsi per quello che è!
Ed è questa la bella morale che lascia Evangelion: Se non accettiamo noi stessi, se non cambiamo il nostro stato d'animo e non ci rapportiamo verso il prossimo, non possiamo sperare che gli altri lo facciano per noi e non possiamo sperare che il mondo cambi... se non cambiamo noi per primi!
È vero che il rapportarsi con il prossimo è fatto di gioie ma anche di dolori, ma fuggire da quest'ultima serve solo a complicare le cose. Nella vita bisogna essere coraggiosi è affrontarle, nel bene e nel male. Perché questa è la vita e tocca noi a gestirla al meglio.


DISEGNO 


Ora posso concludere questo lungo e difficile monologo su Evangelion (avrò detto neanche la metà su di esso), perché come ho già detto alcune cose le ho percepite guardando l'anime e leggendo i vari siti teorici, altre invece non ne conosco e le dovrò approfondire con il tempo.
E comunque è un'anime che vi consiglio caldamente di seguirlo in ogni singolo frame, perché nulla è lasciato a caso, ecco perché lo considero un capolavoro! 
Mi sembrava giusto disegnare Shinji con il suo Eva 01 perché, per quanto ogni singolo personaggio abbia il suo fascino, il protagonista rimane lui. Ho cercato di curare un po' di più il disegno e il risultato è stato questo. E premetto che, dopo tanto tempo, son tornato a disegnare un robot (diciamo che non lo disegnavo ai tempi del robot di Reanimation dei Linkin Park!!!) facendolo a "mano libera" senza strutture. Spero che vi piaccia!!!




Per chi volesse approfondire la questione su Evangelion (però prima è meglio che guardiate l'intera serie) vi consiglio questo sito, nella quale, mi ha aiutato a scrivere questa "pappardella" di roba: evaitalia.xoom.it
Vi lascio con la sigla di chiusura... e se pensate che questo brano sia lo stesso che canta Frank Sinatra, ci avete azzeccato (vi regalo 10 banane)!!!


Sigla di chiusura: Calire Littley - Fly Me To The Moon